Ciò che la dieta nel cancro alla prostata

PROSTATA CURA DEFINITIVA: terapia anti TUMORE PROSTATA NON INVASIVA. Ricerca Medica

Gonfiore della prostata

Altri siti AIRC. Cos'è il cancro. Guida ai tumori. Guida ai tumori pediatrici. Facciamo chiarezza. Cos'è la ricerca sul cancro.

Prevenzione per tutti. Diagnosi precoce. Guida agli screening. Il fumo. Il sole. Salute femminile. Come affrontare la malattia.

Guida agli esami. Guida alle terapie. Storie di speranza. Dopo la cura. Organi di governo. Comitati regionali. La nostra storia. Come sosteniamo la ricerca. Cosa finanziamo. Come diffondiamo l'informazione scientifica. Un numero crescente di studi sta dimostrando l'importanza di una sana alimentazione nella prevenzione del cancro. Un'alimentazione sana, che tenga alla larga anche le malattie di cuore oltre che ciò che la dieta nel cancro alla prostata tumorali, richiede soprattutto di ridurre drasticamente l'apporto di grassi e proteine animali, favorendo invece l'assunzione di cibi ricchi di vitamine e fibre.

Un'alimentazione di questo tipo protegge soprattutto il colon-retto, ma estende i suoi benefici anche ad altri organi. Tutti questi prodotti contengono isoflavoni, sostanze che assomigliano agli estrogeni, ne prendono il posto sui recettori delle cellule, ma non ciò che la dieta nel cancro alla prostata gli stessi effetti biologici: per questo consumarne regolarmente, fin dalla giovane età, riduce il rischio di tumore al seno nella donna e alla prostata nell'uomo.

Un eccessivo apporto di carni rosse mette a rischio soprattutto l'intestino, ma varie ricerche mostrano che aumenta la possibilità di sviluppare anche altre forme di cancro, per esempio alla vescica o allo stomaco.

Particolarmente prezioso è il ruolo delle antocianidine contenute in questi frutti rossi, soprattutto mirtilli e fragole che, come mostrano anche studi condotti di recente in Italia col sostegno di AIRC, non proteggono solo l'intestino, ma in misura diversa anche la gola, lo stomaco, l'ovaio ciò che la dieta nel cancro alla prostata i reni. Diversamente da molti altri principi attivi le cui proprietà benefiche si perdono con la cottura, le maggiori concentrazioni di licopene si ottengono con il riscaldamento del pomodoro in presenza di molecole grasse come quelle dell'olio di oliva, proprio come si fa per preparare il sugo.

Oltre alla qualità, conta molto anche la quantità di cibo assunta quotidianamente. Talvolta la taglia non incide solo sul rischio di ammalarsi, ma anche sull'andamento della malattia stessa. Al contrario, una riduzione del peso corporeo anche solo del per cento e un incremento dell'attività fisica possono produrre effetti positivi.

È meglio cucinare i cibi a temperature più basse, per esempio utilizzando il vapore o il cartoccio. Il rischio del consumo di alcol varia da tumore a tumore: è maggiore per le forme che interessano il cavo orale, dalla gola all'esofago e alla laringe, ma favorisce anche i tumori del fegato e del colon-retto.

Nelle donne, inoltre, sembra sia responsabile del cinque per cento dei casi di tumore al seno. Alla luce di questi dati, quindi, il consumo di alcol va limitato al massimo : non più di un bicchiere a pasto per gli uomini e uno al giorno per le donne.

Ad alcuni alimenti si attribuisce inoltre un' azione antinfiammatoriache potrebbe intervenire nelle prime fasi della genesi di ciò che la dieta nel cancro alla prostata tumori. Tutti questi meccanismi contribuiscono, in varia misura, a tenere a bada la formazione dei tumori. Alla luce di queste osservazioni, i maggiori esperti oggi invitano a puntare su un'alimentazione fresca e variata piuttosto che sull'acquisto di questi prodotti.

Rendiamo il cancro sempre più curabile. Informati sul cancro Cos'è il cancro Guida ai tumori Guida ai tumori pediatrici Facciamo chiarezza Cos'è la ricerca sul cancro Glossario. Affronta la malattia Come affrontare la malattia Guida agli esami Guida alle terapie Storie di speranza Dopo la cura. Cosa facciamo Come sosteniamo la ricerca Cosa finanziamo Come diffondiamo l'informazione scientifica. Traguardi raggiunti I bandi per i ricercatori.

Alimentazione e tumori: le domande più frequenti. Quanto incidono le abitudini alimentari sul rischio di sviluppare un tumore? Esistono tumori legati più di altri al tipo di alimentazione? Quali cibi vanno privilegiati, e quali evitati, per cercare di prevenire la malattia? Come orientarsi nella scelta di frutta e verdura?

Le probabilità di ammalarsi dipendono anche dalla quantità dell'apporto calorico, oltre che dalla scelta del menu? Anche le modalità di cottura dei cibi incidono sul rischio? Ci sono altre bevande che possono avere un ruolo protettivo? In che modo agiscono gli alimenti sulla nascita e lo sviluppo dei tumori? Si possono sostituire ciò che la dieta nel cancro alla prostata sostanze benefiche contenute nei cibi con farmaci e integratori?

News dal mondo Flavonoidi, preziosi alleati contro il cancro e le malattie cardiovascolari Leggi l'articolo. News dal mondo Bevande zuccherate: dolci al gusto, pericolose per la salute Leggi l'articolo. Ricetta Crostone con piselli, fave e anguria Leggi l'articolo. News dal mondo Diabete e cancro: gli uomini e le donne sono davvero uguali?

Leggi l'articolo. News dal mondo Tumore della vescica nelle donne, il ruolo del fumo Leggi l'articolo. Approfondimento Aspirina e prevenzione oncologica: un legame complesso Leggi l'articolo. News dal mondo Tumori: tutto il peso dell'obesità Leggi l'articolo. News Al linfoma non piace la dieta mediterranea Leggi l'articolo.